Le linee storiche: i "precursori"

Dal 5 ottobre 2007 al 23 dicembre 2007 GTT in collaborazione con ATTS ha attivato in tutti i fine settimana e i giorni festivi, due linee storiche: il 7 e il 13/.
Nel parlare corrente, anche tra appassionati, si identificano le linee 13/ e 7 come “storiche” perché esercite con tram storici, debitamente restaurati. Ma i percorsi sono antichi come i tram che li percorrono oppure sono stati messi insieme alla buona?
Nel valutare i percorsi dovremo tenere conto dei binari che non ci sono più e di come si è ovviato a questo problema.
Cominciamo a vedere la prima linea storica della rete tranviaria torinese è il 13/, in esercizio fin dal 2002. Il percorso è da piazza Statuto per corso San Martino, le vie Cernaia e Micca, piazza Castello, via Po, piazza Vittorio Veneto, piazza della Gran Madre.
Tutti gli appassionati conoscono il percorso del 4/ post unificazione Belghe-Atm, che dal Martinetto andava alla Gran Madre e che già sicuramente storico (1924) e che ha ripreso, almeno  per il tratto piazza Statuto – Gran Madre il percorso della linea Belga “B” e che risale al 1876 (e quindi è un tracciato molto antico), ma la vera sorpresa è scoprire che la relazione da piazza Statuto alla Gran Madre risale addirittura ai primi omnibus a cavalli del 1845 (linea 2)!
centro1.jpgLa via Garibaldi è stata pedonalizzata circa trent’anni fa e quindi non è più percorribile: il tracciato più vicino è certamente quello scelto per il 13/ per le vie Micca e Cernaia e corso San Martino. Questa relazione sono 157 anni che viene coperta da mezzi pubblici e da 131 anni da tram, prima a cavalli poi elettrici: è il percorso più antico realizzabile oggi.
La seconda linea è la circolare 7. L’idea è di riproporre la mitica “Linea dei viali” (Linea “G” della Belga e poi linea “16” dell’Atm), pur con qualche rimaneggiamento per non sovrapporla troppo al 16 attuale. Vediamo il percorso: da piazza Castello per i Giardini Reali, rondò Rivella, corso Regina Margherita, corso Principe Eugenio, piazza Statuto, corso San Martino, via Cernaia, corsi Vinzaglio e Vittorio Emanuele, via Accademia Albertina, via Po.
Il percorso nel tratto tra rondò Rivella e corso Vittorio Emanuele presenta la variante lungo corso Vinzaglio, rispetto  al tracciato più antico del 1893, perché i binari in piazza Solferino non ci sono più. Inoltre dal 1924 la linea transitava proprio per corso Vinzaglio. È invece il tratto che da via Accademia Albertina a rondò Rivella a non aver molto a che fare con la “G” storica. Questo è proprio il tratto di percorso che è stato diversificato per non sovrapporlo al 16 attuale. Che dire? Certamente il tracciato scelto è comunque “antico”, via Accademia Albertina è percorsa dai tram dal 1879 dalla linea “D”, i tram percorrono i Giardini Reali fin dalla loro apertura nel 1923 (linea 18 dell’Atm). Il tracciato nel suo insieme non è certamente riferibile a una linea storica, ma è certamente interessante, percorrendo dei tronchi di linee “storiche” (G, D e 18). Inoltre il percorso è certamente molto suggestivo: possiamo non promuoverlo? D’altra parte, non è pensabile che per rendere il percorso del “7” storicamente vicino a quello della linea “G” GTT vada a deviare il 16!!


Ultimo aggiornamento: