Tranvia a dentiera Sassi - Superga


La stazione di Sassi a fine '800.

La storica tranvia a dentiera Sassi - Superga è unica in Italia nel suo genere. E' la continuazione di una tradizione ultracentenaria iniziatasi il 26 aprile 1884 con la prima corsa effettuata dalla funicolare costruita con il sistema Agudio: il trenino era mosso da un motore trainante una fune d'acciaio che scorreva parallelamente al binario su pulegge sistemate lungo il percorso.


La funicolare a fine '800.

La linea fu poi trasformata, nel 1934, in tranvia a dentiera con trazione a rotaia centrale ed oggi, completamente restaurata, offre ai visitatori un viaggio d'altri tempi sulle carrozze originarie e un panorama indimenticabile. Il percorso si sviluppa per 3.100 metri tra la stazione di Sassi (sita a Torino in piazza Modena, a 225 metri s.l.m.) e la stazione di Superga (a 650 metri s.l.m.). Il dislivello totale di 425 metri è superato con una pendenza media del 13,5%, con punte massime del 21% nel tratto finale tra Pian Gambino e la Stazione di Superga.

All'arrivo a Superga si può ammirare uno splendido panorama su Torino e le Alpi, visitare la Basilica di Superga edificata dallo Juvarra e le tombe reali dei Savoia. La biglietteria si trova all'interno della stazione di Sassi. All'interno della stazione di Sassi si può visitare il museo storico aziendale (sono esposti il tram a cavalli 197 e la vettura 209, oltre a numerosi oggetti, foto, cartine, ecc.), mentre all'interno della stazione di Superga il Centro Visite dell'Ente Parchi della Collina di Superga ospita una serie di iniziative rivolte a studenti ed adulti al fine di migliorare la conoscenza dell'ambiente circostante. Il collegamento della tranvia è gestito mediante un convoglio composto di motrice e sino ad un massimo di due vetture rimorchiate, con capacità complessiva di 210 passeggeri.

I rimorchi attualmente in uso sono i veicoli più vecchi del parco, essendo stati costruiti per l'orginaria funicolare Agudio nel 1884: più di 120 anni portati in eleganza!
Vale la pena evidenziare che i rimorchi D13 e D14 (di tipo aperto) sono prossimi parenti delle famose "giardiniere" che circolavano un secolo fa a Torino, rimorchiate completaqmente aperte in uso nei mesi estivi sulla rete urbana.


Testo liberamente tratto dal sito internet GTT

 


Ultimo aggiornamento: